Una mela al giorno leva il medico di torno… LE MELE DEL TRENTINO | Italiaviaggi.biz

Una mela al giorno leva il medico di torno… LE MELE DEL TRENTINO

Home » Enogastronomia » Prodotti Tipici » Una mela al giorno leva il medico di torno… LE MELE DEL TRENTINO

Pubblicato da Italiaviaggi il 15 ottobre 2011 Non ci sono commenti

Il Trentino è una delle più importanti regioni a livello europeo per la produzione di di qualità. Alcune cooperative e consorzi, tra cui “la Trentina” e “Melinda” si occupano della coltivazione, del controllo della qualità e della commercializzazione delle famose in tutto il mondo: Golden Delicious, Stark Delicious, Granny Smith, Royal Gala, Winesap, Morgenduft, Fuji e Braeburn, ma anche le più tradizionali Renetta e Canada.

La coltivazione è basata prevalentemente su tecniche di produzione biologica, biodinamica o integrata, allo scopo di ridurre drasticamente l’uso dei trattamenti chimici sostituendoli con ritmi biologici naturali. Tutto ciò per fornire un prodotto genuino attento al rispetto dell’ambiente, che costituisce un patrimonio da preservare nell’interesse tanto dei produttori quanto dei consumatori.

Un pò di storia…

La coltivazione della mela risale a diversi secoli fa, come testimoniano documentazioni come la la Carta di Regola di Cles del 1641 ed anche diversi toponimi nella stessa valle di Non, uno per tutti Malè, derivato dal latino Maletum ovvero “Meleto” o “luogo delle mele“.

La frutticoltura vera e propria nasce molto più tardi, nel tardo ottocento o primi del novecento.


In quei tempi, la specie di mele locali più coltivata era la mela Renetta, che è presente ancora oggi anche se in misura minore.  A partire dagli anni sessanta è stata introdotta una specie di mele particolarmente versatile denominata Golden Delicious: dorata, a pasta fine e molto dolce, che nel giro di pochi anni è diventata il fiore all’occhiello della Val di Non, tanto da soppiantare tutte le altre produzioni.

La mela della Val di Non è stata la prima in Italia ad ottenere il riconoscimento DOP, subito seguita a ruota dalle altre, a dimostrazione di una produzione molto attenta alla qualità.

E’ naturale che l’uso della mela abbia notevolmente influenzato anche la cucina locale, che propone interi menu dedicati a ricette ottenute dalle mele. Alcuni esempi sono il il famoso strudel di mele e lo smorn, una frittata dolce a base di mela, uova, farina e zucchero.

Il Chianti
Farina di Neccio della Garfagnana DOP
Fragole delle Dolomiti bellunesi
Oltrepò Pavese Bonarda DOC
Olio Extravergine d'Oliva Dauno Dop
Alici di Menaica

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Una mela al giorno leva il medico di torno… LE MELE DEL TRENTINO - 15/10/2011 - Italiaviaggi