Le due chiese - Sebastiano Vassalli | Italiaviaggi.biz

Le due chiese – Sebastiano Vassalli

Home » Speciali » Libri » Le due chiese – Sebastiano Vassalli

Pubblicato da Italiaviaggi il 20 ottobre 2011 Non ci sono commenti

A Rocca di Sasso – un paese di fantasia «imitato dal vero» sulla base dei tanti villaggi delle nostre Alpi – il tempo sembra non passare mai. La montagna, immobile, domina, rispettata e temuta, con le sue leggende e le magiche entità che si racconta dimorino qui. In primavera, sulle sue pendici, fioriscono genziane e ciclamini, e più in alto, verso gli alpeggi, lo strano giglio martagone, bianco e screziato di sangue. Nei prati a fondovalle, si spande il profumo carnale dei narcisi.

All’ombra del Macigno Bianco formicola la vita degli abitanti del villaggio, con i suoi piccoli e grandi andirivieni, dalla Prima guerra mondiale ai giorni nostri.

Vassalli disegna i caratteri e tesse i destini, facendo di questo piccolo mondo un frammento di vita universale. Nel coro spiccano il maestro Prandini, socialista, volontario in guerra, mutilato, poi legionario a Fiume, poi gerarca fascista; e Anselmo, detto Ansimino, autista di corriera e più tardi meccanico, che ha un cuore grande e «l’intelligenza nelle mani».

Intorno a loro vive tutta la comunità, tra pettegolezzi, amori, lutti, aspre scene di guerra, cene dei coscritti e dei reduci: un mondo fatto di tante storie che si incrociano e che Vassalli annoda, con sapienza e ironia, in un’epica umanissima; un’intera civiltà, brulicante di vite, che si anima sulla pagina poco prima di sparire per sempre inghiottita dall’oggi.


Di tanti uomini vissuti qui nei tempi antichi, solo due hanno lasciato traccia del loro passaggio: l’Eretico e il Beato, «due contrari, in cui si riassumono e si annullano tutti i possibili contrari di questo mondo». La luce e le tenebre, il giusto e l’ingiusto, il bene e il male. Sono la premessa della storia ambientata in questi luoghi «dove il passato non riesce mai a passare del tutto e il presente non è mai davvero presente», come una musica che riecheggia nel tempo.

Tutto è cambiato, ma il Macigno Bianco resta là, al centro di tutte le valli, con il suo paradiso perduto e il suo inferno sotto i ghiacciai; e l’Internazionale, inno dell’umanità risuonato in tutto il mondo, è tornato nella quiete dei luoghi dov’era nato, tra rocce e foreste, a sussurrare forse nuove parole di speranza.

Il giorno della memoria
Sotto cieli noncuranti - Benedetta Cibrario
Eva dorme - Francesca Melandri
Il gioco beffardo del destino - Arianna e Selena Mannella
I luoghi e la polvere. Sulla bellezza dell'imperfezione - Roberto Peregalli
Io non lavoro. Storie di italiani improduttivi e felici - Serena Bortone, Mariano
Nessun tag per questo post
Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Le due chiese – Sebastiano Vassalli - 20/10/2011 - Italiaviaggi