Stilo: splendore medievale

0
64

Sul versante orientale della Calabria, sull’altopiano del Monte Consolino, si trova Stilo, uno dei borghi più caratteristici e meglio conservati della regione. Il nome deriva dal greco “stuloz” che significa colonna, e riporta alle origini medievali della città, quando Stilo era considerato un luogo sacro per la sua posizione dominante.

Qui si trovano dei monumenti che restano dei veri testimoni dei secoli passati e delle civiltà che vi lasciarono impronte grandiose: la Cattolica, un tempietto greco-bizantino risalente al X secolo che è simbolo di Stilo; la Chiesa Matrice, del 1300, che riveste un’elevata importanza storica e artistica in quanto una delle prime sedi vescovili della Calabria, e poi la Chiesa di San Domenico, la Chiesa di San Francesco e quella di San Giovanni, quella della Madonna delle Grazie, e ancora le Porte Medievali che nel primo medioevo davano accesso all’urbe, di cui è rimasta ben conservata la Porta Stefanina, con il maestoso portale in blocchi di granito intagliati.


Stilo possiede anche una sua fortezza, il Castello Normanno, fatto costruire da Ruggero il Normanno sul Monte Consolino, luogo da cui si poteva dominare tutta la cittadina e la vallata fino al mar Jonio. Le cinta che circondavano il castello, ancora oggi identificabili lungo l’erta del monte, lo rendevano assolutamente inespugnabile.

E infine le venerande tradizioni, cadenzate dal ritmo delle stagioni, come la vivace festa di Natale, le rappresentazioni suggestive in occasione della Settimana Santa,  le  sagre estive di prodotti tipici, e le rinomate fiere del 6 gennaio (per l’Epifania) e 24 giugno (per la festa di San Giovanni Theristi).