Balestrino, antico borgo ligure abbandonato

0
66


A un passo dalla raggiante riviera di ponente ligure, Balestrino è un paese dell’entroterra di Loano, in provincia di Savona, che conta poco più di 500 abitanti. A seguito di una minaccia idrogeologica causa di fenomeni franosi, nel 1963 il borgo antico di Balestrino è stato abbandonato dalla popolazione in fuga, preoccupata dal cedere del terreno, che decise di costruire una nuova “Balestrino”” più a monte, trasformando così il vecchio borgo in una città fantasma, che appare oggi come una composizione pittoresca di archi, antri bui, case e cantine vuote e silenziose in modo innaturale immerse in un’atmosfera sospesa nel tempo.

L’antico borgo è sormontato dal Castello di Balestrino, detto anche Castello dei Del Carretto – antichi feudatari della zona – abbarbicato caparbiamente sul frontone roccioso nonostante il rischio di frane. Tutto è fermo a più di 50 anni fa, tra mura in rovina e  vegetazione selvaggia tra i ciottoli e vicoli dall’aria vissuta ma ormai malinconicamente statica e decadente. Di fronte al castello, sulla strada per Toirano si trova una antica fontana in cui, attraverso una bella effigie di pietra, si rispecchia il volto antropomorfico della natura, un’altra traccia dell’estinto Mondo della Tradizione.

A rendere particolare e magnetico il borgo antico di Balestrino è anche quella fitta trama di leggende e misteri di cui si popolano queste case abbandonate.  Visitare Balestrino potrà provocare una dolce e sottile malinconia per le cose passate e perse nella memoria.