Aversa, “Città dalle cento chiese” | Italiaviaggi.biz

Aversa, “Città dalle cento chiese”

Home » Cosa vedere » Campania » Aversa, “Città dalle cento chiese”

Pubblicato da Italiaviaggi il 8 novembre 2012 Non ci sono commenti


si trova in provincia di Caserta, in Campania, al centro dell’agglomerato urbano noto come “agro aversano”, composto da 19 comuni.

Aversa è stata la prima contea normanna del meridione d’Italia; fondata nel 1030 dai Normanni, divenne presto capoluogo di un’ampia contea con sede vescovile. E’ costituita da due parti: quella antica, che ha una forma circolare, con strade concentriche e radiali, e quella più recente che presenta una pianta a maglie regolari, con strade che si incrociano ad angolo retto.

Il suo centro è ricco di storia ma soprattutto di chiese, fatto che le è valso il nome di “Città dalle cento chiese”.

Le opere artistiche ed architettoniche più importanti presenti in città sono proprio quelle religiose, come la Cattedrale di San Paolo, con il suo magnifico deambulatorio romanico e la sua maestosa cupola ottagonale, la chiesa barocca di San Francesco delle Monache e la chiesa di Santa Maria a Piazza, dove sorge il Castello Aragonese, e il Duomo, della cui parte originaria dell’XI secolo restano solo le tre absidi e la pregevolissima cupola ottagonale in stile arabo-normanno, arricchita da due piani di colonnine del XIV secolo. tra le opere
contenute all’interno spiccano il rilievo della Trinità con l’Annunciazione e i Santi Pietro e Paolo, posto sull’altare cinquecentesco del transetto destro, e il coro con ambulacro ad arcate dell’XI secolo.

Sono ancora visibili i resti dell’antica cinta muraria, Porta San Giovanni, situata nella omonima via e dove un tempo vi si trovava il Borgo dei pescatori del Lago Patria, soggetti al monastero di San Lorenzo.

La città vanta diversi castelli fortificati, tra cui il Castello di Savignano, il Castello Angioino e iL Castello Aragonese.

Tra i Palazzi, anch’essi numerosi, si distinguono palazzo Golia, che nel 1860 ospitò Giuseppe Garibaldi, e Palazzo Gaudioso, del XV secolo.

C’è anche un’area naturale, il Parco “Salvino Artuto Pozzi”, nella zona nord della città, con una superficie di circa 22.000 mq, dove si trova una variegata flora, attrezzi in legno per ginnastica/stretching e un bocciodromo punto di ritrovo e svago per anziani.

Aversa è famosa anche per la produzione della mozzarella di bufala e del vino Asprinio.

Le 35 grotte di Palinuro
Cosa vedere a Capua (CE)
Dieci cose da vedere a Napoli

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Aversa, “Città dalle cento chiese” - 08/11/2012 - Italiaviaggi