Sirolo: tra storia, spiagge, natura e vacanze | Italiaviaggi.biz

Sirolo: tra storia, spiagge, natura e vacanze

Home » Italia da scoprire » Guide di viaggio » Sirolo: tra storia, spiagge, natura e vacanze

Pubblicato da Italiaviaggi il 5 marzo 2013 Non ci sono commenti

(Sciròlo in dialetto locale) è una affascinante località in provincia di , nelle Marche.Posta in una posizione pittoresca a picco sul mare, fa parte del Parco regionale del Conero.

sirolo


Si stima che la cittadina di Sirolo sia di origini antichissime; secondo alcuni recenti ritrovamenti archeologici, oltre centomila anni fa, Sirolo deriva dal nome da Sirio, condottiero medioevale. L’area era abitata fin dall’epoca romana. Intorno all’XI secolo venne fortificato dalla famiglia dei Cortesi.

Il centro storico, di impronta medioevale, è costituito da una piazzetta panoramica che pare un balcone che si affaccia sul mare Adriatico, da mura merlate, vicoli e viuzze strette che raccontano la storia medievale della piccola cittadina. la chiesa di San Nicolò, del XVIII secolo, dedicata al protettore di Bari, con il suo campanile con la cupola a cuspide, e la chiesetta del Rosario dello stesso periodo, e la chiesa di San Pietro. Interessante è il teatro Cortesi, che presenta ogni anno un ricco calendario di eventi. Inoltre, durante il periodo estivo si svolge una rassegna teatrale che si tiene in una vecchia cava trasformata in arena

Sotto la città, si trova un’altra Sirolo sotterranea, formata da gallerie, che fungeva come rifugio e nascondiglio.

Intorno al centro, le frazioni di periferia: “Le Vigne” dove un tempo si coltivava la vite;San Lorenzo famosa per “Capo d’acqua” dove si trova un acquedotto romano e dove un tempo le “lavandaie” andavano a lavare i panni; Fonte d’olio quartiere ultracenternario; Madonnina da cui si gode la vista sulla Santa casa di Loreto.
Sul versante dell’Adriatico si possono visitare i resti della frazione “Il Ghetto”, scomparsa a causa delle frane dovute alla posizione delle case a picco sulla spiaggia dei Sassi Neri. Infine, ai confini del paese, la frazione Coppo.

Sirolo è però famosa soprattutto per le sue belle spiagge, alcune accessibili solo via mare, (vi sono dei comodi traghetti che partono dal porto di Numana), altre attraverso sentieri anche piuttosto impegnativi. La più nota è la spiaggia delle Due Sorelle, così chiamata per la presenza di due scogli vicini, composta da ghiaia e ciottoli. Molto conosciuta è anche la Spiaggia dei Sassi Neri, che deve il nome alla sua sabbia scura, un piccolo gioiello di natura selvaggia e acque limpide con un’area per nudisti. E ancora, la Spiaggia di San Michele, circondata da alte pareti rocciose, e la spiaggia Urbani, la più comoda e facilmente raggiungibile, costituita principalmente da rocce e ghiaino. Altre spiagge da visitare sono: la spiaggia di Mezzavalle, la spiaggia di Portonovo, la spiaggia di Passetto, la spiaggia di Porto Recanati, la spiaggia di Scossicci, la spiaggia di Marcelli e la spiaggia di Numana.

Vacanze in Salento a tavola!
Metaponto, la Magna Grecia di Matera
Città di Castello: dall'arte di Raffaello a quella di Burri
Vie di Roma: ecco le più antiche strade romane
Narni: "cronache dai sotterranei" di una città misteriosa
Spilinga, città della Nduja e delle grotte

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Sirolo: tra storia, spiagge, natura e vacanze - 05/03/2013 - Italiaviaggi