La città santa di Loreto

0
101


Secondo la leggenda, dopo l’invasione musulmana della Palestina, la casa della Sacra Famiglia di Nazareth sarebbe stata trasportata dagli angeli sulle colline marchigiane, là dove ora sorge il grandioso complesso del santuario dedicato alla Madonna di Loreto, proclamata nel 1920 patrona degli aeronauti.

La Storia del Santuario inizia nel sec. XIII  con l’arrivo della casa abitata dalla famiglia della Vergine Maria a Nazareth. Questa preziosa reliquia fu portata in Italia dopo la caduta del regno dei crociati in Terra Santa.

Gli studi recenti delle pietre e dei graffiti e di altri documenti, purificando la tradizione da elementi leggendari, confermano e attestano l’autenticità della Santa Casa.

Il santuario di Loreto è stato per secoli ed è ancora oggi uno dei luoghi di pellegrinaggio tra i più importanti del mondo cattolico.
E’ stato visitato da circa 200 santi e beati, e da numerosi Papi.

Affacciato su una piazza monumentale, il santuario fu iniziato nel XV secolo da Marino di Marco Cedrino e Giuliano da Maiano in stile rinascimentale. La facciata ha tre magnifiche porte bronzee con pregevoli bassorilievi. L’interno a croce latina conserva affreschi di Melozzo da Forlì,  Luca Signorelli e Ludovico Seitz. Sotto la cupola ottagonale si trova la Santa Casa, con rivestimento in marmo disegnato da Bramante e decorato con bassorilievi e statue.