La “Villa della Gioia” di Natuzza Evolo | Italiaviaggi.biz

La “Villa della Gioia” di Natuzza Evolo

Home » Speciali » Luoghi di Culto » La “Villa della Gioia” di Natuzza Evolo

Pubblicato da Italiaviaggi il 27 ottobre 2010 Non ci sono commenti


La Villa della Gioia è una chiesa situtata in Calabria, a (VV), ancora in fase di costruzione, voluta da Natuzza Evolo, la mistica calabrese scomparsa un anno fa.

Natuzza raccontava del grande progetto che, durante una delle sue visioni, la Madonna le aveva fatto vedere e visitare come fosse già realizzato, “La villa della gioia“. Il grande desiderio della Madonna e di Natuzza comincia il 30 maggio 2006 e proprio Natuzza ha dato inizio ai lavori del primo lotto della grande e bella chiesa, con la prima colata di cemento.

La chiesa, che può accogliere complessivamente circa 3.000 fedeli, è a pianta cruciforme; nelle due braccia laterali si trovano la cappella del Santissimo, la cappella  delle confessioni, la cappella  feriale, il sagrato davanti al quale  sorge la grande piazza delimitata  dal colonnato.
Nel punto d’intersezione  delle braccia della croce è collocata la grande aula assembleare, come fulcro e cuore dell’intera  composizione.
Il tutto rappresenta l’idea di accoglienza del  “Cuore Immacolato di Maria  rifugio delle Anime” in cui la chiesa rappresenta il “cuore”, e  il colonnato la “braccia tese” che accolgono in un cammino  spirituale verso il Mistero di Cristo.
Il colonnato, che ha la pianta a forma di un cuore, si collega al “Viale della salvezza” che dalla strada conduce alla chiesa.
Al di sotto del complesso formato dalla  cappella delle confessioni, dal sagrato e dalla piazza, due corpi principali contigui:  “Centro, sale e strutture congressuali” e il “Centro ristoro”, il primo con sale per attività di studio e ricerca, mentre il  secondo con sale polivalenti e di relazione utili all’accoglienza dei pellegrini.

La storia di Natuzza
Vi sono persone che hanno vissuto esperienze straordinarie: sono state protagoniste di miracoli e di guarigioni improvvise, diventando simboli della fede, non sempre riconosciuti dalla scienza.
Fortunata Evolo nasce a Paravati il 23 agosto 1924 in una famiglia poverissima. Dopo la terza elementare inizia subito a lavorare come domestica. Fin da bambina ha il dono della bilocazione e dice di parlare con l’angelo custode, un bambino di circa otto anni che la guida e la consiglia nel dare risposte che solo una persona colta, e non certo una semianalfabeta come lei, potrebbe dare. Ha strane visioni: persone defunte e la Madonna. I famigliari, spaventati, la fanno esorcizzare e la costringono a sposare con un soldato, da cui ha cinque figli.
Ma Natuzza continua ad avere visioni e subentrano anche le stimmate.
Vede Gesù, la Madonna, San Francesco di Paola, Padre Pio e altri santi. Vede i defunti e conversa con loro, ha sudorazioni ematiche più evidenti durante la Quaresima con l’aggiunta delle stimmate che si trasformano, a contatto con bende o fazzoletti, in emografie : testi di preghiera in varie lingue, calici, ostie, Madonne, cuori, corone di spine.
Fin da quando era una ragazzina, Natuzza capì che la sua missione era dare conforto e consolazione alle persone. Da allora, e per tutta la sua vita, migliaia di persone si sono rivolte a lei affidandole sofferenze, angustie, invocando grazia, conforto e luce. E lei, facendosi carico delle loro sofferenze, ha dato a tutti una parola di conforto, di speranza e di pace, una risposta, il sorriso e la gioia, e in alcuni casi la guarigione.

Con le offerte dei fedeli Natuzza fa costruire un centro per anziani nel suo paese, lo stesso dove muore nel novembre 2009 per un blocco renale.

I fedeli ne chiedono la beatificazione, ma una decisione – che spetta al Papa – non è ancora stata presa.
La Chiesa ha sempre espresso perplessità sulla vicenda. Nel 1940 padre Agostino Gemelli ha bollato la Evolo come “isterica”, mentre in epoca più recente l’ex direttore di Civilità Cattolica ne ha apprezzato lo stile di vita umile.

Info: www.fondazionenatuzza.it
In collaborazione con www.turismo-calabria.com

Il Santuario del Pilastrello - Lendinara - Veneto
Visita virtuale alla Basilica di Assisi
La città santa di Loreto
L'abbazia ai piedi dei colli
La Moschea di Roma, la più grande di tutta Europa
Cassino e l'Abbazia, la rinascita dopo i bombardamenti

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

La “Villa della Gioia” di Natuzza Evolo - 27/10/2010 - Italiaviaggi