Un’estate di raduni e mototurismo su Ducati, Honda e Yamaha

0
128


Turisti di casa nostra e visitatori provenienti da tutta Europa e da ogni parte del mondo si muovono nel Bel Paese durante i mesi estivi alla ricerca dei luoghi più suggestivi ed incantevoli che hanno fatto dell’Italia “il giardino del mondo“. Un modo particolarmente affascinante per compiere un tour attraverso le regioni italiane è quello più adatto in particolare alla bella stagione: il mototurismo.
Gli appassionati sono innumerevoli e l’Italia è pronta ad accoglierli rispondendo alle loro esigenze più particolari, anche con strutture ricettive specializzate per bikers e i loro bolidi, Ducati, Honda o Yamaha che siano.

Un itinerario specifico che i veri appassionati scelgono è la visita a tappe di alcune zone nelle quali si svolgono i motoraduni. Queste manifestazioni avvengono periodicamente in ogni regione italiana: segnaliamo, tra gli eventi di luglio, raduni come il Weekend Moto Guzzi Aquile della Notte, a Forlimpopoli, cuore della Romagna (14 e 15 luglio), il Motoraduno nelle magiche foreste del Casentino (14-15 luglio), il Vespa e Lambretta Coppa Sila tra le bellissime terre dell’entroterra Calabrese (22 luglio) ed il 9° Motoconcentrazione d’Epoca (9 giugno) nella suggestiva cornice dei Castelli Romani.

Gli appassionati risponderanno al richiamo in sella con le loro Ducati Monster, Yamaha TDM 900 o Fazer, il cosiddetto “cuore sportivo di tanti cavalli”, e molto spesso su moto Honda, le preferite dai viaggiatori su due ruote. Le più usate per i viaggi risultano infatti essere le moto Honda Varadero, la Pan European e la Deauville.
Il paesaggio italiano, con tutti i suoi tratti collinari, è in grado di solleticare l’interesse dei viaggiatori che macinano molti chilometri e che scelgono le supertourer, ma anche coloro ai quali prude il polso e vogliono provare il brivido della velocità per sentieri isolati.

Insomma, il turismo sportivo è un’altra delle varie eccellenze italiane di cui andare ben fieri!